Anna Capolupo – Artificia

Visitabile fino al 05 maggio 2024
Presso lo Spazio espositivo di via Maia 12 a Roma prenotando un appuntamento ai numeri 3928918793 o 3284615638 oppure all’email vuotacasa@gmail.com.

Il nuovo appuntamento espositivo di Casa Vuota è Artificia, un incantesimo di Anna Capolupo, con la partecipazione di Emanuela Da Ros. La mostra, curata da Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo.

Innamorata della poesia delle cose quotidiane e inventrice di ambienti misteriosi in cui elementi culturali diversi si incontrano e si mescolano, Anna Capolupo presenta a Casa Vuota una serie di dipinti, di sculture di biscotto e di installazioni, tutti inediti e pensati su misura per le stanze disabitate della piccola kunsthalle del Quadraro. Nel modo che è tipico della sua ricerca artistica, l’ordinario e il prosaico si elevano a una dimensione straordinaria ed enigmatica, che vede l’atmosfera onirica delle sue visioni caratterizzata da un uso peculiare del colore e dall’accostamento singolare di oggetti e figure.

«Gli occhi vedono attraverso la memoria il bambino che con una lingua inventata crea il mondo», dichiara Capolupo e il suo intervento si dispiega negli ambienti di Casa Vuota con la forza inventiva di una filastrocca infantile, pregna di energia, di eccitazione e di mistero. Nella dimensione propria dell’artificio, attraverso cui gli artisti «provano a dare immagine a qualcosa che non ce l’ha», l’artista calabrese di nascita e fiorentina di adozione evoca il gioco e le fantasie dell’infanzia. «Per ricollegarmi con una memoria, con un luogo, con gli oggetti», spiega.

«Casa Vuota diventa il teatro di un’affabulazione onirica per attori bambini – raccontano i curatori Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo – nella misura in cui l’artista attinge alle sue memorie personali e al suo mondo interiore, mescolando ricordi della terra in cui è cresciuta, microstorie quotidiane e appunti di sogni presi appena sveglia, che si apparecchiano nella forma di nature morte arroccate oltre i bordi della realtà».

«In questi anni – dichiara Anna Capolupo – ho indagato la tradizione pittorica della natura morta e il mondo onirico, appuntandomi tutti i sogni per poi cercare di dipingerli, come indagine sull’inconscio. Distribuendo tutto su un tavolo: oggetti d’uso quotidiano, volti, piante, scorci di interni che, come su un palcoscenico, evocano memorie, creando atmosfere stranianti e ferme nel tempo. Riflettendo sulla natura morta, mi sono resa conto che la mia ricerca si è via via spostata più verso la creazione di un ambiente, un ambiente dove le cose accadono e si sovrappongono e si sedimentano le memorie e il tempo presente. Questo ambiente è evidentemente una casa. Quella a cui tutti apparteniamo perché è lì che cresciamo, che ci formiamo e ci identifichiamo e dalla quale andiamo via. Penso alla mia casa e in qualche modo cerco di ricostruirla. Mi chiedo se posso ancora chiamare casa un luogo dove da vent’anni non trascorro più la mia quotidianità. Questa casa diventa allora per me un ricordare malinconico. Vivo con essa un amore nostalgico e la cosa più evidente di questi lavori è che l’infanzia è ciò che mi lega ancora a quel concetto di casa che oggi, da adulta, non so ritrovare in nessun luogo».

«Sulle rotte di una nostalgia che si fa forza creativa, il visitatore della mostra è chiamato a vestire i panni di un fanciullo immerso in un gioco», spiegano Del Re e de Nichilo. «La pittura di Anna Capolupo si fa pretesto per costruire volumi tridimensionali ed ecco apparire uno spazio nello spazio: una capanna al centro della stanza detta le regole della partita e ricorda i tipì dei nativi americani o un tendone circense. Se normalmente si è abituati a conoscere della pittura solo la superficie coperta di colore, sorprende la scoperta della pagina inferiore, nel movimento dell’andata oltre il quadro che dà il via al gioco, in un’immersione della pittura che si fa scoperta di un segreto. Una memoria della casa che si reinventa a Casa Vuota, sotto la pelle di una pittura nutrita di sogni».

A sottolineare l’importanza di questa componente onirica è la presenza di un lettino che l’artista costruisce e colloca nella Stanza dei Glicini. Viene circondato di bassorilievi modellati con la pasta dei biscotti, sculture commestibili che attingono direttamente alla tradizione calabrese e la reinventano nelle forme e nei significati. Figure umane, piante, forbici sono gli elementi di un alfabeto che impasta farina, uova e miele, rimandando alla pratica devozionale degli ex-voto, le cui suggestioni affiorano anche nella pittura. «Ricordano che la preghiera è un momento che regali a te stessa e a nessun’altro», spiega l’artista.

In ognuno dei tre spazi espositivi di Casa Vuota si trova un oggetto scultoreo di Emanuela Da Ros, artigiana orafa originaria del Veneto con la quale Anna Capolupo da quattro anni divide lo studio a Firenze, e questi feticci entrano in relazione con il suo lavoro. «Ci siamo chieste tante volte cosa fosse la nostra casa oggi», spiega Capolupo. «Ci siamo accorte che costruiamo una casa ideale, perché la nostra ricerca non si rispecchia con la realtà delle nostre terre d’origine. Il nostro legame emotivo con quel territorio non ci permette di avere un pensiero critico, almeno all’interno della pratica artistica. Proveniamo dagli antipodi, io dal profondo Sud e lei dal profondo Nord, e forse è proprio questo che ci unisce. Abbiamo avuto un’educazione simile, che vede la religiosità mescolarsi a un mondo pagano fatto di superstizioni e di leggende, dove gli oggetti incarnano simboli importanti per la nostra cultura».

Anna Capolupo (Lamezia Terme, 1983) vive e lavora a Firenze. Laureata in pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze, ha vinto il Premio Behnoode Foundation a The Others Art Fair nel 2022, il Premio Nocivelli nel 2020 e il Combat Prize nel 2016 nella sezione grafica ed è stata finalista al Premio Terna del 2014. Nel 2022 è stata invitata al programma internazionale di residenze artistiche Vis à Vis Fuoriluogo 25 a cura di Limiti Inchiusi. Nel 2019 è stata selezionata al programma di residenze presso LA CASAPARK Art Residency di New York. Ha preso parte a Landina esperienze di pittura en plein air a Omegna e al Simposio di Pittura della Fondazione Lac o Le mon a San Cesario di Lecce. Tra le mostre si segnalano nel 2023 Do u ever wonder what it’s like to be a tulip? alla galleria Andrea Festa Fine Art di Roma a cura di Benedetta Monti, Affascinante al Museo Civico Luigi Varoli di Cotignola (RA) a cura di Giole Meladri e Luigi Presicce, nel 2022 Facoltà Paranoica con Luigi Presicce a The Others a Torino con la galleria VGO associates di Grasse, La fiabesca alla Galleria Giovanni Bonelli di Pietrasanta a cura di Francesco Lauretta, I see an object like a star with a burr all around con Lucia Veronesi alla Tana delle Tigri alla Piramide delle Cascine di Firenze, Pittura, Pittura, Pittura nella Project room di Marignana Arte a Venezia a cura di Serena Fineschi, nel 2021 Salon Palermo alla Rizzuto Gallery di Palermo con un testo critico di Antonio Grulli, Fragile alla Monitor Gallery di Roma a cura di Christian Caliandro, Un giorno in casa alla Fondazione Smart di Roma a cura di Davide Ferri e Saverio Verini, Polka Puttana, mostra itinerante in furgone a Roma, Abetone e Grasse e nel 2020 Portafortuna al Toast Project Space della Manifattura Tabacchi di Firenze.

Post

Silvia Valente

Storica e critica d’arte, curatrice indipendente, giornalista pubblicista, nasce a Pordenone nel 1981.  Consegue un master in “Curatore museale e di eventi di arte contemporanea

Leggi Tutto »

Vincenzo (Enzo) Le Pera

Curatore d’Arte Nato a Castelsilano (KR) nel 1940, vive dagli anni ’80 in via Carlo Levi 16, della contrada Pasquali di Mendicino. Sposato con Franca

Leggi Tutto »

Maurizio Vitiello

Maurizio Vitiello è nato a Napoli, il 23.07.1951.  Nel 1976 entra nell’Amministrazione Statale e nel MiBACT lavora a Milano, Sirmione (BS), Mantova, Napoli. Da Funzionario ha

Leggi Tutto »

Guido Folco

Guido Folco è nato a Torino l’8 maggio 1965. Dopo gli studi classici, si laurea presso l’Università degli Studi di Torino in Lettere Moderne, Storia

Leggi Tutto »

Roberto Litta

Curatore d’ArteROBERTO LITTA, classe 1966, sin dai tempi del liceo ha conservato intatta una forte passione per la storia e l’arte italiana. Autore di soggetti

Leggi Tutto »